| 2 commenti ]

21 Maggio, il nostro ministro degli Esteri, il caro Massimo D' Alema, ha rassicurato tutti: nessuna frattura con gli USA. E per fortuna, aggiungo io, sennò rischiava di farsi bruciare il baffo con il Napalm. D' Alema ha giustamente sottolineato, come è effettivamente emerso dalle recenti elezioni di Middleterm, che c' è qualcosa che, nella attuale amministrazione Bush, non va...bella scoperta...però non voglio fare del puro antiamericanismo, con tutto quello che si dice sarebbe come aggiungere parole su parole che rimangono banali.

Gli States sono stati, dal secondo dopoguerra, buoni alleati dell' Italia, la quale d' altra parte per un buon quarantennio, per ringraziare, dimostrando il grande orgoglio dell' allora politica italiana, della parte dominante della politica di allora, ha mostrato senza pensarci il didietro ai nostri amici yankee. Il risultato? Che molto spesso non ci siamo trovati in una situazione di pura e sola amicizia con gli USA, cosa più che giusta visti i buoni rapporti che ci sono e ci devono essere tra queste due culture, tra queste due società, ma di pedissequa "imitazione" sul piano soprattutto della politica estera...un rapporto che ha portato quasi ad una situazione "da chioccia": per capirci, noi eravamo i poveri pulcini cretini che facevamo tutto ciò che indirettamente ci veniva imposto di fare, visto che di quell' alleanza e di quell' aiuto ne avevamo bisogno...
Una politica che molto spesso ha incontrato l' opposizione di intere generazioni: guerra in Vietnam e rivolte sessantottine sono gli esempi più conosciuti ma non i soli...ma nulla, la classe dirigente americana, o almeno in particolare la parte repubblicana di essa, ha sempre continuato su una linea politica di ingerenza negli affari interni di altri Stati. E sono arrivati gli anni 80-90...Bush senior e junior sono riusciti a mettere il cappio al collo a Saddam, inframezzati dall' amministrazione, molto allegra, e per questo rimpianta, di Clinton...
Cosa è successo in tutti questi anni? Che tra attentati, guerre, raid aerei e non, hanno perso la vita migliaia e migliaia di persone innocenti, di persone che quella guerra non sapevano neanche di preciso per quali squallidi motivi era scoppiata...ma sono morte...mentre gli effettivi responsabili di tutto sono ancora lì dove erano, vivi e vegeti...
E allora sono d' accordo con D' Alema quando dice che probabilmente la politica americana deve cambiare marcia e direzione, come la stessa opinione pubblica yankee ha espresso...non è bello esportare guerra laddove ci sono interessi che vanno ben oltre il semplice spirito umanitario ma paradossalmente farlo in nome dei diritti umani...anche in molte zone dell' Africa e dell' America Latina vengono calpestati quotidianamente i più fondamentali diritti umani...ma forse c' è meno petrolio che in Iraq
Perchè ,mentre qualcuno che decide come, quando e perchè deve scoppiare una guerra, se ne sta comodamente seduto in poltrona, c' è chi veramente mette in pericolo la propria vita per gli altri ed è ancora detenuto nelle carceri afgane?...liberiamo Rahmatullah Hanefi e diamo il nostro contributo non facendo allentare la pressione dei mass media su questa vicenda...sarebbe un ottimo contributo se tutti facessimo appello alla Farnesina affinchè non ci si dimentichi di questo caso, che ha fatto sì che si liberasse un nostro connazionale, ma che sta mettendo a serio rischio, per un capo di imputazione che peraltro sembra essere inesistente, la vita di un nostro amico, perchè amico della pace...

| 0 commenti ]

Il 17 Maggio scorso, nonostante l' indifferenza generale, sempre molto puntuale da parte dei nostri media troppo attenti a guardare alla vicina Francia in quel periodo, e nonostante fosse passato solo un mese dagli attentai di Algeri, si sono avute le elezioni legislative in un paese dal presente molto travagliato: l' Algeria. Del cui presente, non avendoci troppi interessi gli States, tutti un po', diciamolo, se ne fregano.

Il voto ha confermato il governo del presidente Bouterflika, ma ciò che colpisce è il grande astensionismo generale: su 18 milioni di elettori, ha votato solo il 35,6 %...un record negativo.
Un astensionismo tradizionale nel paese, ma cresciuto esponenzialmente a causa del naufragare delle riforme economiche e sociali. Una campagna elettorale inesistente in pratica,niente comizi, niente manifestazioni. Assenze al voto che testimoniano come il binario di fiducia eletti-elettori non esista più: il Fronte delle forze socialiste ha invitato a disertare il voto, descrivendolo come un matrimonio tra partiti e regime. Ed effettivamente, fino a 20 anni fa, quando venne introdotto il multipartitismo, il partito dell' attuale presidente era il partito unico.
In particolare sono stati i giovani, gli under 30 (70% della popolazion e algerina) a boicottare il voto, perchè i più penalizzati da disoccupazione e crisi economica.
Come non parlare di Bouterflika? L' uomo dei progetti ambiziosi ma sempre incompleti...riforma dell' educazine, salute pubblica, progetto di rilancio economico per creare 2 milioni di posti di lavoro in un paese che ne avrebbe bisogno...tutto fallito...c' è stato l' aumento del petrolio, nel 2000, che non ha portato a nulla visto che ancora 3 milioni di algerini sono disoccupati.
Per non parlare del terrorismo, piaga del paese, che imperversa incontrollato, anche perchè quel genio dell' attuale presidente ha riabilitato i terroristi pentiti...che furbone...
E perchè nessuno ne parla? Perchè dobbiamo sempre e solo sapere quello che ci vogliono far sapere? Questa non è informazione...l' Algeria certo non è quella di qualche anno fa ma scandali, restrizioni e censure ancora impediscono al paese di essere un vero Stato democratico.
Non troppi anni fa il pugno di ferro del governo è stato particolarmente intenso nella regione della Cabilia (circa 100 Km ad est di Algeri), abitata dalla minoranza berbera, che costituisce circa un quinto degli abitanti del Paese.
Queste popolazioni, che rivendicano il diritto all'autodeterminazione, denunciano l'atteggiamento a cui sono da anni sottoposte dalle autorità, caratterizzato da isolamento sociale, discriminazioni e violenze.
Nella cosiddetta "primavera nera" del 2001, in seguito all'omicidio ingiustificato di un giovane da parte della gendarmeria, scoppia una serie di scontri in tutta la regione, sullo stile dell'intifada palestinese; ingenti contromisure vennero prese dal governo, che inviò centinaia di uomini per fronteggiare la rivolta, provocando oltre 100 morti tra i manifestanti.
I comitati di coordinazione locali si trovano divisi tra lotta armata e non-violenza; fortunatamente, nonostante sporadiche tensioni, nei recenti mesi quest'ultimo atteggiamento sembra essere maggiormente accreditato, anche a causa della riduzione delle operazioni da parte della polizia. I dialoghi intavolati tra i delegati degli aarchs ( i comitati di coordinazione) e lo Stato, però, sembrano estremamente difficili.
Un passo avanti, comunque, è stato apportato nel gennaio 2004, quando il governo ha annullato le elezioni amministrative del 2002 (boicottate in tutta la Cabilia) accondiscendendo alle richieste dei berberi che hanno sempre rifiutato di riconoscere l'esito di quelle votazioni.
Perchè tutto questo ci è ignoto? Combattiamo con la contro-informazione questa volontà di qualcuno di indirizzare il nostro pensiero. Diceva Cartesio: "...cogito ergo sum...", mai frase fu più vera....

| 2 commenti ]

Un facoltoso imprenditore che "scende in campo"? Non mi è nuova questa.

Un Montezemolo a tutto campo al congresso di Confindustria: "...la pressione fiscale sulle imprese è troppo forte, la politica costa troppo e le forze politiche non sanno mettere insieme un vero progetto-Paese..."....SUL SERIO? Se ci aggiungeva che "le mezze stagioni non esistono più" aveva fatto un discorso di luoghi comuni...
Scherzi a parte...le critiche sono piovute, come spesso succede, e questa volta anche bipartizan: Casini e Berlusconi, senz' altro politicamente vicini al presidente di Confindustria, pur convenendo sui programmi, hanno bacchettato il Luca Cordero per la mancanza di autocritica, facendogli notare come, quando c' era la Cdl al governo, furono avanzate le stesse proposte, da lui rifiutate. E, nonostante la mia simpatia per Pierferdinando e Silviuccio sia pari a quella che Mastella ha per Santoro, bisogna dargli ragione...una coerenza...
A sinistra poi non potevano che esserci opinioni dissonanti: Prodi che dice "...Montezemolo si commenta da solo..." (oddio non ha tutti i torti) e D' Alema che ammette come un problema dei costi ci sia (oddio ha ragione pure lui). I sindacati intanto protestano: "...molte imprese guadagnano molto e danno poco..." è stato detto. Eh già.
A me fa un po tristezza vedere Montezemolo fare dei discorsi quasi demagogici, evidentemente pronti a preparagli terreno fertile al suo, a questo punto penso imminente, ingresso in politica; con un programma del genere poi! Passi il problema degli elevati costi della politica, che c' è e va risolto, c' è da dire che il presidente di Confindustria si è preoccupato solo della elevata pressione fiscale sulle imprese. Ma purtroppo la forte pressione fiscale c' è, ed è sicuramente più "influente", soprattutto per i cittadini e anche (ma non solo bisogna aggiungere) per colpe di piani politici molto vicini al suo.
Però mentre noto che le imprese e i vari imprenditori non sembrano proprio morire di fame, il recente rapporto ISTAT mi dice che in Italia c' è ancora gente che economicamente si può definire povera. E allora mi preoccupo e penso. Penso che in Italia, ormai è un luogo comune ed è forse, in quanto tale, banale da dire, il ceto medio non esiste più: o hai tanti tanti soldi e ti compri televisioni, giornali, squadre di calcio, squadre automobilistiche, hai lo yacht attraccato in Sardegna e per arrotondare fai politica; oppure devi stare attento ad arrivare a fine mese con il tuo stipendio...se ti va bene, visto che puoi anche non averlo lo stipendio.
E allora il problema più grande è la pressione fiscale sulle imprese? Io non credo...

| 0 commenti ]

Si parlava tra amici. Tra amici veri. E' venuta fuori una frase che mi ha colpito: "...che politica è quella italiana se ti mette la panchina nella piazzetta ma non si preoccupa di dare una casa a chi ci dorme ogni notte su quella panchina?...non la puoi chiamare politica".

Cavolo è vero...apparire, esaltare la propria figura, più che fare gli interessi della popolazione. Come può essere definito Stato Sociale un' istituzione che, forse, Stato non è?
"Stato sociale o Welfare state-sistema politico-sociale in cui lo Stato promuove il benessere dei cittadini garantendo loro un reddito minimo e attuando varie misure di sicurezza sociale, in particolare nel campo sanitario e previdenziale"...e lo dice Zingarelli mica il sottoscritto! Per non parlare di tutti gli articoli della Costituzione della nostra Repubblica che potrebbero essere usati al proposito.
E comunque, già leggendo dal mio sig. Zingarelli...bè...no...direi proprio che non ci siamo.
In primo luogo secondo il recente rapporto ISTAT nel 2005 le famiglie povere, in Italia, sono state 2,5 milioni (11,1% delle famiglie residenti) e, attenzione, non parlo di singole persone ma di famiglie, che, minimo, di persone ne hanno 2! Il 14,7% delle famiglie ha poi dichiarato le difficoltà ad arrivare a fine mese e il 28,9% non è riuscita a far fronte a spese impreviste. E i problemi maggiori sono al Sud...ma va?

E aggiungo...la sanità italiana, non devo dirvelo io, va a rotoli: ospedali pieni, barelle nei corridoi, medici incompetenti o troppo altezzosi...norme igieniche? E cosa sono?...Però intanto se vado nello studio privato del dottore che mi ha visitato all' A.S.L., pagando 50; 100; 150 e così via euro, una cretinata di problema che sembrava misterioso...puff...risolto...misteri?!...Questo il nostro Stato non lo vede...e se non li ho quei soldi per curarmi privatamente che faccio?
Però intanto quanto prende un nostro Parlamentare? Senatori e deputati si portano a casa quasi 14mila euro netti al mese. Oltre allo stipendio il parlamentare usufruisce di tessere per la libera circolazione autostradale, ferroviaria, marittima, e area su tutto il territorio nazionale. Se poi deve andare all’estero ha rimborsi annui di 3100 euro. La bolletta telefonica non è un problema: per le sue chiacchierate il deputato dispone di una somma annua di 3.098 euro, il senatore di 4.150 euro. Altri rimborsi sono infine previsti per i taxi:3323 euro ogni tre mesi. Il parlamentare pesa sulle casse dello stato anche da ex: bastano due anni, sei mesi e un giorno di legislatura per maturare il diritto alla pensione. Oggi la percepiscono 2005 ex deputati e 1297 ex senatori per una spesa complessiva di 186 milioni di euro l’anno (dati tratti da Canale7). Però ancora in Italia c' è gente che viene definita "povera" o che non riesce ad arrivare a fine mese...
Che culo abitare nello Stato sociale della Repubblica Italiana!!!


P.S. i due tipi nella foto sono i due amici che parlavano........

| 14 commenti ]

Questa è una delle implementazioni nuove messe a disposizione da Blogger per "migliorare" graficamente il nostro space: la barra video.



Innanzi tutto rechiamoci su Modello/Elementi pagina e clicchiamo su Aggiungi un elemento pagina.



Quindi, di fronte a questa schermata...



...clicchiamo su Barra video/Aggiungi a blog. La schermata che quindi ci si aprirà davanti ci chiede alcune opzioni:


-Titolo: è il nome che daremo alla barra video e che apparirà sul blog, potete anche ometterlo (come ha fatto il sottoscritto...che palle 'sti titoli);


-Cerca espressione: praticamente sono le stringhe di ricerca dei vostri video...inserendo un' espressione vi cercherà tutti i video il cui titolo contiene quell' espressione (ad esempio se inserite il nome di un gruppo musicale vi cercherà tutti i video inerenti a quel gruppo);


Compilato questo piccolo form, clicchiamo su Salva le modifiche et les jeux sont fait....


Il risultato sarà qualcosa del genere:





| 2 commenti ]

Il caso Sex, crimes and the Vatican è ormai noto a tutti...(per vedere il video targato Bbc ecco il link http://dailymotion.alice.it/it/featured/video/x200ug_sex-crimes-and-vatican-sott-italian ) lo scandalo delle decine di preti pedofili e degli inquietanti risvolti collegati, su cui la Bbc ha voluto far luce con un documentario-inchiesta che nel Regno Unito è andato in onda nel 2006, in Italia non ancora...potere della libertà di stampa...

Ciò che più colpisce è, però, quello che sembra essere stato l' atteggiamento del Vaticano, quel Vaticano che si pone a difesa dei valori, della morale...della famiglia...:difesa assoluta dei colpevoli dalle autorità giudiziarie.
Addirittura si parla proprio del Crimen Sollicitationis, il documento segreto emesso dal Santo Uffizio – oggi Congregazione per la dottrina della fede – nel 1962, con il quale furono emesse le direttive su come trattare i casi di sacerdoti coinvolti in questo genere di crimini.
Ebbene il principio guida del documento era...beh...era il SILENZIO.
E responsabile dell’applicazione del Crimen Sollicitationis indovinate chi fu?Si, proprio lui...già aveva cominciato a far danni...fu proprio l' attuale Papa Benedetto XVI, l' allora ancora cardinale Joseph Ratzinger. E fu sempre lui ad emanare nel 2001 il seguito del documento vaticano (si tratta di un epistola, ecco il linkhttp://www.vatican.va/roman_curia/congregations/cfaith/documents/rc_con_cfaith_doc_20010518_epistula_graviora%20delicta_lt.html#_ftnref3 ), fondato – afferma lo speaker dell’inchiesta inglese – sullo medesimo spirito, tanto che era ribadito l'obbligo della “segretezza, pena la scomunica”.
Ora credo che queste notizie siano ormai di dominio pubblico...ma cosa è successo in questi giorni in Italia? Santoro (si di nuovo lui, questo mattacchione che già aveva avuto qualche problemino con Silviuccio...), potrebbe mandare in onda, nella puntata di giovedì di Annozero, la video-inchiesta, peraltro dopo aver rispettato tutta la trafila RAI per "comprare" il filmato. E, ovviamente, sono piovute le critiche: Landolfi, presidente della Commissione di vigilanza sulla Rai ha invitato il direttore generale, Cappon, a fermare l'acquisto e soprattutto la messa in onda. Troppo ovvio. E' un po' l' atteggiamento di chi ha la coda di paglia. Per par condicio dobbiamo però dire che i vertici del Vaticano parlano di un complotto, di un falso...di un pacco per dirlo come si dice dalle mie parti...
E allora perchè tutto questo allarme? Perchè forse si ha paura dell' ennesimo colpo che si potrebbe sferrare a dimostrazione dell' ipocrisia di questa Istituzione Chiesa? Perchè si ha paura che la già parecchio compromessa immagine di Ratzinger ne possa uscire malconcia? O perchè nel Mondo, e soprattutto in Italia, quando un potere forte sbaglia si deve mettere tutto a tacere? Religione o dittatura? Illuminismo od oscurantismo? Sono tutte domande che hanno una risposta...lo so io e lo sapete voi...la censura a mio avviso offende l' intelligenza umana e la libertà di esprimerla...e anche questo lo sappiamo purtroppo...così come sappiamo anche che questo non è ciò che ci insegna la religione...quella vera intendo...

| 1 commenti ]

Wake up
Grab a brush and put a little (makeup)
Grab a brush and put a little
Hide the scars to fade away the (shakeup)
Hide the scars to fade away the
Why'd you leave the keys upon the table?

Here you go create another fable
You wanted to
Grab a brush and put a little makeup
You wanted to
Hide the scars to fade away the shakeup
You wanted to
Why'd you leave the keys upon the table?
You wanted to
I don't think you trust
In, my, self righteous suicide
I, cry, when angels deserve to die, DIE
Wake up
Grab a brush and put a little (makeup)
Grab a brush and put a little
Hide the scars to fade away the (shakeup)
Hide the scars to fade away the
Why'd you leave the keys upon the table?
Here you go create another fable
You wanted to
Grab a brush and put a little makeup
You wanted to
Hide the scars to fade away the shakeup
You wanted to
Why'd you leave the keys upon the table?
You wanted toI don't think you trust
In, my, self righteous suicide
I, cry, when angels deserve to die
In, my, self righteous suicide
I, cry, when angels deserve to die
Father, father, father, father
Father into your hands, I commend my spirit
Father into your handswhy have you forsaken me
In your eyes forsaken meIn your thoughts forsaken me
In your heart forsaken, me oh
Trust in my self righteous suicide
I, cry, when angels deserve to die
In my self righteous suicide
I, cry, when angels deserve to die

| 0 commenti ]


....vignetta tratta da Diego Garcia...

| 30 commenti ]

Mentre in Italia ci si infama per le elezioni amministrative siciliane, con una denuncia di brogli ancora da verificare (e che non verrà mai verificata, ne sono sicuro, siamo in Italia, DIAMINE!!), nelle nostre fabbriche dobbiamo registrare l' ennesimo caso di morto sul lavoro, in un incidente, nel fiorentino. Schiacciato da una lastra di ferro a 30 anni. Mentre molti dei nostri politici e dei rappresentanti della Chiesa sono occupati a discutere della famiglia e ad esorcizzare le coppie di fatto e i DICO, molte famiglie in questi giorni hanno componenti in meno, morti per portare da mangiare a casa, molto spesso morti per arrivare a fine mese...morti perchè manca la sicurezza in molti posti di lavoro.
Ma questo è un problema marginale per la nostra politica...una politica in cui tutti sono impegnati nella propria demagogia, nel proprio infangare il "nemico" senza pensare troppo a quello che si dice...una politica ormai proiettata non più verso il benessere del popolo, ma verso il prestigio personale, verso l' apparire più che verso l' essere.
E intanto sul lavoro si muore...e, nonostante un incredibile serie di vittime, cosa sta succedendo di concreto?...Nulla...la politica sa rispondere solo con appelli che vanno a cadere nel vuoto?Vorrei sapere cosa concretamente si sta facendo, SE si sta facendo visto che le morti bianche continuano ad esserci.

-L’Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro.(art.1,1 Cost.)
-La Repubblica riconosce a tutti i cittadini il diritto al lavoro e promuove le condizioni che rendano effettivo questo diritto.(art.4,1 Cost.)
-La Repubblica tutela il lavoro in tutte le sue forme ed applicazioni.(art 35,1 Cost.)
-Il lavoro è tutelato in tutte le sue forme organizzative ed esecutive, intellettuali, tecniche e manuali. (art. 2060 C.C.)

In quali atteggiamenti CONCRETI lo Stato mette in pratica ciò che la legge prevede?...vorrei che qualcuno mi rispondesse, ma purtroppo dubito che sia possibile...

per ulteriori informazioni sull' argomento visita Diego Garcia al link http://www.diegogarciablog.blogspot.com/

| 0 commenti ]


...vignetta tratta da
Diego Garcia....

| 1 commenti ]

La Mediaset, a capo di una cordata di altre aziende, per la modicissima cifra di 2,63 Miliardi di Euro si è accaparrata il 75 % di una famosa azienda, la Endemol, da Telefonica.

Cos' è la Endemol? Per chi non lo sapesse, e in termini abbastanza semplicistici, questa azienda vende format di programmi televisivi nel mondo...e molti di questi programmi vengono acquistati anche dalle televisioni italiane...un esempio è il reality Grande Fratello.
Finchè parliamo però in questi termini il problema non si pone, visto che il reality per eccellenza in Italia viene trasmesso su una rete proprio della Mediaset, ossia Canale 5. Il problema si pone quando diciamo che molti programmi RAI (Che tempo che fa, La prova del cuoco...) sono proprio targati Endemol e che ora sono, quindi, di proprietà della Mediaset.
Dove sono le leggi del libero mercato, di difesa verso una concorrenza "forse lievemente" sleale?...se la Mediaset possiede i 3/4 dell' azienda Endemol (che, per chi non ha molta dimestichezza con la matematica,(:D) sono oltre la metà delle azioni) potrà tranquillamente accaparrarsi i format dei programmi di maggior successo senza alcuno sforzo. E questo le farà derivare vantaggi non indifferenti. Alla faccia della leale concorrenza!!!

| 1 commenti ]

Mi domando...è possibile distinguere un unione "naturale" da una che non lo è? A quanto pare per i vertici ecclesiastici-che, no, ASSOLUTAMENTE, di danni nella storia non ne hanno fatti-sembra proprio di sì.

Le istituzioni di una religione come quella cattolica, che afferma l' identità e l' eguaglianza dell' essere umano in tutti i suoi aspetti dinanzi alla "legge divina", non dimostrano altro che, in queste affermazioni immobilismo conservatore e reazionario.
Le istituzioni della religione dell' amore verso il prossimo che non vogliono che la famiglia, quella che loro definiscono la "vera" famiglia, non venga ridicolizzata...ma che poi mancano di rispetto, ridicolizzando quindi a loro volta con delle affermazioni assurde, l' amore che è fuori dai canoni da loro dettati.
A me questo sembra voler assolutamente e ad ogni costo imporre il proprio punto di vista...Non è un controsenso incredibile ed ipocrita? Peraltro appoggiato e sostenuto a piè pari da una parte altrettanto bigotta e conservatrice della politica italiana, alla quale peraltro non è bastato fare danni per 40 anni filati!!
E non parlo solo a favore delle unioni omosessuali, ma a favore di chiunque voglia convivere senza contrarre un matrimonio con cerimonia religiosa e che ha bisogno ugualmente della tutela e del sussidio dello Stato.
Non lasciamo che la società regredisca in un' oscurantismo moralista abbastanza anacronistico. Difendiamo la laicità dello Stato, della società e delle istituzioni dal bigottismo e dall' ipocrisia di chi fa del moralismo spicciolo. Fa parte della nostra libertà e non è, sottolineo, terrorismo...
P.S. Documentatevi su quanti esponenti dell' attuale opposizione politica convivono e quindi fanno, scusate la ripetizione, di fatto parte di una coppia di fatto.

| 5 commenti ]

La NewsReel, o barra delle notizie è una nuova implementazione fornita da blogger, molto utile però per rendere più funzionale il nostro space.
Innanzitutto dal menù di modifica del nostro blog ci rechiamo su Modello/Elementi pagina e clicchiamo su Aggiungi un elemento pagina. Quindi clicchiamo su Newsreel, Aggiungi a blog.
Uscirà una schermata, all' opzione Cerca espressione non dobbiamo fare altro che aggiungere le parole chiave, come se si trattasse di un motore di ricerca (in effetti il funzionamento è molto simile) verranno ricercate, e visualizzate, tutte le notizie in cui compare quella parola chiave.
Ad esempio, inserendo satira:

Satira
Satira preventiva
La Repubblica
- 09 Mag 2007
A Roma, a Villa Medici, una grande mostra celebra George Grosz, pittore e disegnatore satirico, che ha sbeffeggiato la follia del nazifascismo. ...
ritagliato da Google - 5/2007

Satira e politica, quando il passato fa “Male
Il Velino
- 07 Mag 2007
Roma, 7 mag (Velino) - In questi giorni la casa editrice Rizzoli ha voluto ricordare i cinque anni terribili della satira italiana riportando alla memoria ...
ritagliato da Google - 5/2007

Tra satira e orgia le femmine prendono il potere
il Giornale
, Italy
- 08 Mag 2007
Dopo la saga tragica delle Troiane, Serena Sinigaglia affronta la tremenda disfida di mettere in scena Le donne a parlamento. ...
ritagliato da Google - 5/2007

In scena la satira el’ironia di Umberto Simonetta
La Voce d'Italia
, Italy
- 07 Mag 2007
... soprattutto giovani”, satira grottesca della ‘caccia ai giovani’ scritta con i suggerimenti musicali e la collaborazione di Giorgio Gaber. ...
ritagliato da Google - 5/2007

...e così via...

Possiamo inserire quante espressioni vogliamo purchè siano separate da una virgola. Fatto ciò consiglio di selezionare l' opzione Apri i link in una nuova finestra affinchè i link siano visualizzati in un' altra pagina web diversa da quella del vostro blog. Quindi clicchiamo su Salva le modifiche e ci andiamo a posizionare la newsreel dove meglio crediamo nel nostro blog.

| 2 commenti ]

Anniversario della morte di Peppino Impastato...non voglio soffermarmi a parlare della vicenda di questa persona...coraggiosa nella sua lotta...chiunque abbia visto il film "I cento passi" o chiunque voglia fare una ricerca su Internet penso riesca in breve a saperne anche più del sottoscritto su questo giovane siciliano.

Ciò su cui vorrei porre l' accento è che mentre in tv vanno reality su reality, ca**ate su ca**ate e non si fa che parlare di Berlusconi che si lamenta del terrorismo politico nei suoi confronti o di come verrà speso il tesoretto (lo dico per par condicio); non si è trovato un attimo, uno spazio nei palinsesti per parlare di questa vicenda...e non è il primo anno che succede...
Perchè questo? Perchè magari non è una cosa che fa audience? Purtroppo sembra che in Italia sensibilizzare le persone su temi importanti e impegnati non "vada di moda". E purtroppo i ragazzi arrivano a 17-18 anni che del sociale non capiscono nulla.
Purtroppo il Bel Paese è scaduto nel banalismo. E chi non è banale finisce nel dimenticatoio, come Peppino. Ma non per me. Sarò noioso per molti che leggeranno, ma preferisco essere così.

| 10 commenti ]

L' inserimento di questo tool per il nostro blog è un' operazione molto semplice. Innanzitutto rechiamoci sul sito http://www.paginainizio.com/webmaster/collabora_quotidiani.htm che ci offre il servizio in maniera gratuita.
Purtroppo per questo tool non c' è una grande scelta, visto che il modulo è solo uno come potete vedere...quindi prendete il codice HTML, lo copiate e lo incollate in un elemento HTML/JAVASCRIPT del vostro blog (se non sai come installare un elemento HTML clicca qui )...ecco fatto...semplice no?

| 6 commenti ]

Allora...cos' è un c-box....? E' quel riquadro, presente anche nel mio blog, nel quale i visitatori lasciano i propri commenti in maniera visibile a tutti. Innanzitutto rechiamoci al link http://www.cbox.ws/getone.php che ci offre in maniera gratuita il servizio.

Ci apparirà davanti una schermata nella quale ci vengono chieste alcune informazioni. Per prima cosa selezioniamo l' opzione Basic (free) che ci da l' opportunità di usufruire del servizio gratuito, quindi inseriamo le altre informazioni: un username, una password, l' indirizzo e-mail (importante, poi capiremo in seguito perchè), l' indirizzo del nostro space, la lingua del c-box e il colore (skin)...fatto questo clicchiamo su Create my cBox.

A questo punto vi arriverà una mail dal sito...la aprite e cliccate sul primo link che c' è nella mail. Vi si aprirà una pagina web, in alto a sinistra c' è un "control panel", dalla lista cliccate su "Quick setup" e in un box vi apparirà il codice che vi serve per installare il c-box.

Copiatelo e incollatelo in un elemento HTML/JAVASCRIPT e les jeux sont fait...(se non sai come installare un elemento HTML clicca qui )

| 2 commenti ]

Ieri, in serata, la commissione Affari costutuzionali della Camera ha votato il Ddl di cui si sente parlare da giorni circa il conflitto di interessi. Una norma contro la quale in centro destra è insorto unanime a difesa del proprio leader Berlusconi, il quale aveva egli stesso definito il decreto "killeraggio politico". In breve con questo Ddl se Berlusconi dovesse (scongiuri del caso) tornare alla presidenza del Consiglio dei Ministri, dovrebbe sbarazzarsi di Mediaset o quantomeno affidarla ad un trust.

Ovviamente il provvedimento si esprime in termini generali, ribadendo l' impossibilità di ricoprire cariche di Governo per proprietari di imprese che superino un valore di 15 milioni di Euro o che siano in concessione. E' altrettanto ovvio che per questo però Silviuccio (per dirlo alla Benigni) si senta un po' tirato in causa...la coda di paglia c' è...ammettiamolo.
Prodi ieri ha ribadito come si tratti di una legge molto più blanda di quella di altre democrazie e che non si chiede all'individuo "di diventare San Francesco, ma di non amministrare direttamente la ricchezza" nel momento in cui entra in politica. E' una cosa, ha sottolineato Prodi, "americana, americana, americana". Per Berlusconi però il blind trust in Italia non si può fare, perchè noi siamo il Bel paese e non gli Usa...ma lui non rappresentava l' Italia liberale?
"E' killeraggio nei miei confronti, è l'ulteriore dimostrazione di volontà di eliminare il più pericoloso concorrente e cioè il leader dell'opposizione", ha detto Berlusconi da Trapani. Che poi ha rispolverato un suo vecchio cavallo di battaglia: il ddl sul conflitto d'interessi è parte di una strategia più ampia messa in campo dall'attuale maggioranza fin quando sedeva tra i banchi dell'opposizione: "Hanno tentato con la via giudiziaria e finora gli è andata male e adesso ci riprovano con questo provvedimento che impedisce a chiunque abbia un'impresa di dedicarsi alle cose della politica e dare il suo apporto al governo del Paese". Puro vittimismo?
Lascio a voi giudicare...io sono senza parole. Per fortuna il Ddl è già passato.

| 1 commenti ]


Sicuramente avrete notato, entrando nel mio blog, che, immediatamente al di sotto dell' orologio, c' è una simpatica vignetta nella quale vengono svelati (ovviamente solo a voi) il vostro IP,ISP, il sistema operativo e il sistema di navigazione in Internet che state usando e che somiglia "vagamente" a quella che si trova qui sopra.
Aggiungere questo tool al vostro blog, che oltre ad essere simpatico, vi permetterà anche di "stupire i visitatori", è molto semplice.
Innanzitutto rechiamoci sul sito Danasoft.com che ci offre gratuitamente il servizio, ed esattamente al link http://www.danasoft.com/customsig.php .
Ffffffatto (direbbe Mucciaccia)? Allora ora vi troverete in una pagina in cui vi si chiede di inserire i vostri dati: indirizzo e-mail (importante perchè vi manderanno anche lì il codice HTML dell' icona), la lingua della vignetta (sign language), il personaggio che preferite nella vignetta (se li selezionate tutti, come ho fatto io, si alterneranno ad ogni ingresso nel vostro blog dei visitatori), le informazioni che volete siano visualizzate (dynamic info) e il testo che vorrete scrivere sotto di esse (random text) e quindi alcune informazioni opzionali che potete benissimo tralasciare.
A questo punto cliccate su "Make my free signature" ed uscirà una schermata dalla quale dovrete copiare il link che si trova sotto la dicitura "To display your signature on your own website, use HTML:" ....questo link sarà il codice HTML che incollerete in un elemento HTML/JAVASCRIPT (se non sapete come aggiungere un elemento HTML cliccate qui )....Il risultato sarà più o meno questo:


| 17 commenti ]

Come inserire la radio nel blog? Semplicissimo...per prima cosa rechiamoci al link http://www.paginainizio.com/webmaster/collabora_radio.htm , che ci offre questo servizio in maniera gratuita.
Ci si aprirà avanti una pagina nella quale potremo scegliere la radio che ci piace di più e che maggiormente preferiamo nel nostro blog.
Fatta la scelta copiamo il codice HTML corrispondente alla radio che abbiamo scelto e lo incolliamo in un modulo HTML/JAVASCRIPT (se non sai come aggiungere un modulo HTML clicca qui ).


Ecco la nostra radio!

| 6 commenti ]

Ecco un' altra operazione che renderà molto funzionale il vostro blog, pur essendo molto semplice da effettuare: inserire un contatore per la data.
Innanzitutto dobbiamo recarci sul sito Escati.com che offre questo servizio in maniera gratuita, in particolare il link che ci interessa è http://www.escati.com/clocks.php .

Scorrendo nella pagina troveremo :
Date By Escati

In Hat Yai, Southern Thailand it is:


immediatamente al di sotto troviamo un box con dentro un codice HTML, lo copiamo e lo incolliamo in un elemento pagina HTML che andiamo a creare (se non sai come creare un modulo HTML clicca qui ). A questo punto abbiamo il nostro modulo con la data, che potremo spostarci a piacimento nel blog.

Vorrei però aggiungere un ultimo accorgimento per migliorare il tutto: come potete notare, prima della vostra data c' è la dicitura "In Hat Yai, Southern Thailand it is", come cambiarla?Semplice, dobbiamo intervenire sul codice HTML...dando un' occhiata nel codice infatti noteremo questa stringa:



>In Hat Yai, Southern Thailand it is:<

Al posto di "In Hat Yai, Southern Thailand it is", che cancelleremo, scriveremo quello che più ci piace, io ad esempio ho scritto "...nella tana di el gato oggi è il giorno..." , con questo risultato:

...nella tana di eLg4To oggi è il giorno:

....e avremo personalizzato il nostro box-data.








| 28 commenti ]

Come inserire un orologio nel nostro blog?Nulla di più semplice...innanzitutto rechiamoci sul sito http://www.clocklink.com/ENG/gallery.htm che ci offre questo servizio gratuitamente. Visitiamo la gallery di orologi, suddivisa in varie categorie, fino a scegliere quello che più ci piace. Quindi clicchiamo su view html tag corrispondentemente all' orologio da noi scelto, apparirà la licenza d' uso, clicchiamo su accept. A questo punto appariranno le impostazioni dell' aspetto del nostro orologio: colore, grandezza e, molto importante, il fuso orario (quello per l' Italia è CET). Una volta inserite queste opzioni, copiamo il codice html immediatemente sotto size e lo incolliamo in un modulo HTML/JAVASCRIPT (se non sai come fare clicca qui ) e...les jeux sont fait...

| 8 commenti ]

Questa operazione è tanto fondamentale, per poter arricchire il vostro blog con qualsiasi accessorio, quanto semplice.
Per aggiungere un elemento HTML/JAVASCRIPT basterà cliccare su Layout dalla Bacheca del nostro blog (per intenderci la bacheca è quella schermata che appare una volta effettuato l' accesso nel nostro blog tramite l' account che inseriamo in blogger.com).



Dalla schermata che ci apparirà clicchiamo su Aggiungi elemento pagina


e quindi su HTML/JAVASCRIPT.
Il gioco è fatto.

| 8 commenti ]

Creare un contatore di visite per il nostro blog oltre ad essere un' operazione abbastanza semplice, può essere come un qualcosa indispensabile per il webmaster alle prime armi (come me)...COSA C'E' DI PIU' GRATIFICANTE NEL VEDERE QUANTA GENTE ENTRA NEL NOSTRO BLOG?

Allora, innanzitutto registriamoci su ShinyStat, sito che fornisce gratuitamente questo servizio, il sito è


Per registrarci procediamo così:
Nome: Mettiamo ciò che ci pare
Password: Idem sopra, servirà per vedere le statistiche
Url: Il link del nostro blog, per esempio il mio è http://elgatoben.blogspot.com/
Email: La casella e-mail che usiamo (C'invieranno un'e-mail con il codice che dobbiamo incollare nel blog)
Site description: Quello che volete, ad esempio.. spazio personale di cultura, arte...etc
Main category: Scegliere una categoria a cui appartiene il vostro blog
Subcategory: Idem sopra
Premiamo Register.
Scegliamo Free Counter
A questo punto scegliamo il tipo di contatore e premiamo Accept;
nella pagina successiva, se non siamo troppo pratici con l' inglese e non ci capiamo nulla lasciamo tutto come sta e premiamo di nuovo accept;
quindi scegliamo le informazioni che deve darci il contatore, io, ad esempio, ne ho 2, dei quali uno mi dice quanti visitatori ci sono on line e quanti sono stati i visitatori totali, l' altro i visitatori odierni e il record di visite in una giornata.
Infine premiamo Accept.
Ora apparirà una pagina con Settings. Scegliamo HTML code e selezioniamo la casella "Mostra codice solo per blog".
Ci chiederà il nome utente, (se non c'è già, inseriamo quello che abbiamo messo in precedenza).
Clicchiamo il tasto destro del mouse e selezioniamo copia.
Ora andiamo ad incollare il codice in un elemento HTML/JAVASCRIPT (se non sai come fare clicca qui )
In ogni caso, anche Shinystast c'invierà un'e-mail col codice che dobbiamo incollare nel blog (in una nuova discussione o, meglio, nel Custom Html) per poter inserire il contatore. Il mio consiglio è proprio quello di aspettare la mail con il codice.
Il risultato sarà più o meno questo


| 8 commenti ]

Con un sistema semplicissimo potremo creare dei banner da utilizzare nel nostro sito come titolo, come messaggio a fine pagina o semplicemente per abbellire il nostro spazio.

Per iniziare andiamo sul sito http://www.3dtextmaker.com/image_editor.html che ci offre il servizio...ovviamente in maniera gratuita!!


1. innanzitutto scegliamo il carattere che vogliamo utilizzare per il nostro logo

2. quindi scegliamo il colore del banner...
3. ...e le dimensioni (consiglio l' opzione size is not costrained, la prima)


4. quindi possiamo scegliere l' effetto da dare al banner, ossia rotazioni, scivolamenti, "flip", oppure farlo restare fisso e, ovviamente, la scritta che vogliamo come logo


5. una volta cliccato su Made 3d text il banner sarà pronto e potremo ammirarlo nella parte superiore della pagina;


6. clicchiamo con il tasto destro del mouse sul banner e quindi selezioniamo salva immagine con nome, azione che salverà il banner sul nostro pc;


7. quindi dobbiamo mettere on line il banner, andiamo sul sito http://www.imageshack.us/, clicchiamo su sfoglia, selezioniamo l' immagine e clicchiamo host it;





8. dopo aver "hostato" l' immagine, copiamo il codice "direct link to image"


9. quindi dal menù principale del nostro blog clicchiamo su Modello/Elementi pagina e aggiungiamo un elemento HTML/JAVASCRIPT nel quale incolleremo questo codice (ovviamente nella sua parte html):


nella parte tra le virgolette andrà il codice che abbiamo copiato


Il risultato sarà un qualcosa del genere:

...che ovviamente, a vostro piacimento, potrà muoversi o restare fisso.

Archivio